Uncategorized

Il tè delle recensioni brevi del 03/11

La Preghiera di Jonah – Case Popolari

La band cantautorale capitanata da Antonio Venditti torna con un nuovo singolo, Case Popolari dal sapore fortemente electro-pop e dall’uso sapiente dei synth. Tre minuti netti di amore disperato verso la provincia da lasciare, di urla, lamenti e pugni nello stomaco che si aprono nel finale agrodolce. Un singolo sicuramente “anti-pop” che colpirà dritto al cuore agli appassionati delle gemme oscure del cantautorato nostrano.

🍵🍵🍵🍵🍵🍵🍵

Mico Argirò – Hijab

Tra il sacro e il profano prova ad inserirsi “Hijab” di Mico Argirò. Canzone coraggiosa, cantata in duetto con Pietra Montecorvino storica voce della scena indipendente (e non solo) e donna attivissima politicamente. Va da sé che cade immediatamente ogni accusa di sessismo rivolta al cantautore cilentano da chi evidentemente non ha compreso il coraggio di un brano rischiosissimo nel 2020. Coraggio che noi sentiamo di premiare.

🍵🍵🍵🍵🍵🍵🍵½

Tes – Essere Umano

A metà tra l’indie e il pop caramellato, i Tes tessono (eheh) una trama sottile dai suoni semplici, pulitissimi e gradevoli. Il testo è di un positivo in bilico costante con il buonismo ma riesce a rimanere, alla fine, sempre sul lato del buongusto. I ragazzi devono aver assorbito la lezione pop di artisti come Jovanotti e Alex Britti. E il risultato è positivo. Sorprende il finale coi fiati, veramente bellissimo. Un inno che avrebbe fatto bene a Sanremo Giovani.

🍵🍵🍵🍵🍵🍵½

Zen Circus – Appesi alla Luna

Ormai da 20 e più anni sulle scene musicali, gli Zen Circus sono ancora tra le band più attuali del panorama italiano. Bravi negli anni a costruirsi un pubblico fedele ed un immaginario identitario, tornano sulle scene con “Appesi alla Luna” brano stilisticamente più vicino all’ acclamato “Andate tutti affanculo” piuttosto che agli ultimi lavoro. Il brano cresce di intensità col passare dei secondi e convince nel suo mix di rabbia, nichilismo e un pizzico di ironia tipica della scrittura di Appino.

🍵🍵🍵🍵🍵🍵🍵½

Il Piccolo Bu – Balsamo

Tanto brit, tanta scena roma e un pizzico di provincialismo. “Balsamo” è una canzone pop punk all’epoca (forse sfortunata) dei social network. Ritmo incalzante, testo molto catchy e melodie martellanti fanno contemporaneamente da sfondo e da contenuto di un brano che prova a dire la sua in un mondo di produzioni tutte uguali. La sfida davanti, s’intende è ardua e tortuosa ma nonostante tutto il risultato è comunque apprezzabile. Non sappiamo come evolverà il percorso de “Il Piccolo Bu” ma sappiamo che la carica positiva ci è rimasta appiccicata addosso.

🍵🍵🍵🍵🍵🍵🍵

Share: