INTERVISTE

Intervista a Blumosso

Blumosso è un artista, potremmo definirlo, poliedrico: musicista, cantautore, scrittore, poeta, Blumosso ci fa dinuovo commuovere dopo la sua ultima uscita intitolata “TG”, fuori dal 3 settembre sempre per Luppolo Dischi. Questo brano in realtà chiude il cerchio iniziato con “Nordest”, creando insieme a “Vabeh” un trittico dal nome “Di questi e d’altri amori”.

Intrigati dunque da tutto ciò non potevamo far altro che chiedere direttamente all’artista di spiegarci qualcosa in più al riguardo. Buona lettura!

Ciao Blumosso benvenuto, partiamo diretti col chiederti qualcosa in più sul tuo nuovo singolo “TG” uscito il 3 settembre per Luppolo Dischi!

“TG” chiude il cerchio iniziato con “Nordest” e seguito da “Vabeh”, qual è dunque il filo conduttore che accomuna questi tre singoli?

Il mio profondo bisogno di evadere dalla prigione della mia solitudine. Questo è filo conduttore che unisce i brani.

I tre singoli prima citati sono molto simili ma allo stesso tempo quasi del tutto diversi, come descriveresti il Blumosso che ha scritto “TG” rispetto, ad esempio, a quello che scriveva “Vabeh”?

Il mio primo disco s’intitola “In un baule di personalità multiple” …che già la dice lunga sui miei sbalzi esistenziali e che poi forse si ripercuotono nella scrittura. Ho scritto “Tg” due giorni dopo “Vabeh” …basta per rendere chiaro il disagio del soggetto (io) (ride nrd).

Ci sono state delle evoluzioni particolari a livello musicale che hanno accompagnato la stesura di questo trittico dal titolo “Di questi e d’altri amori”?

Più che evoluzioni, dei modus operandi diversi. Questi tre brani, almeno di base, sono prodotti solo da me. In passato la produzione dei brani è stata curata o da Matteo Bemolle (tastierista, arrangiatore e soprattutto mio amico) o insieme alla band. In questo caso, sebbene abbia continuato a lavorare con Matteo e gli altri, gli arrangiamenti sono pensati solo da me. Questa è la differenza a livello musicale.

Ci sono degli autori che ti hanno influenzato maggiormente nell’ultimo periodo e che ti hanno ispirato particolarmente per la stesura dei tuoi singoli?

Sono sempre gli stessi: Battisti, Dalla, De André, Damon Albarn, Ivan Graziani.

Sappiamo che la risposta sarà difficile a dirsi, ma ti chiediamo, per salutarci, la tua definizione dell’amore!

Tutti facciamo di tutto per evitarlo, ma siamo ben coscienti che senza amore il mondo non sopravvivrebbe un solo giorno.

Share: