INTERVISTE

Il Tè delle Cinque…domande con Sabia

1. “Antihype Superstar” ci ha colpito per la scrittura sincera, elegante e di qualità. Quanto sono centrali i testi nel tuo progetto?

Molto centrali anche perché penso che la musica debba elevare un certo discorso, un significato.

2. Lezioni di Geografia è un brano che mi ha colpito particolarmente. Anche io ritengo la Geografia una “materia” sottovalutata, appassionato anche tu?

Adoro la geografia e ho deciso di darle importanza con un omaggio piccolo che da casa mia si allarga sempre più.

3. Cosa dobbiamo aspettarci dal post “Antihype Superstar” ci sono date in programma?

Navighiamo a vista per la pandemia ma speriamo presto di vederci al concerto. Vi aggiorno dalle mie pagine.

4. “Cattivi Pensieri” è senza dubbio l’hit del disco. Ci racconti come è nata?

L’idea è nata dal concetto dei cattivi pensieri che nascono da buoni propositi e dietro questa ambiguità è nato tutto il brano.


5. In un mondo discografico moderno e spietato cosa ci fa uno come Sabia? Non hai paura che la tua qualità possa essere penalizzata?

L’importante è proporre il proprio discorso in maniera genuina e non penso che ci siano penalizzazioni in questo senso. Riuscire a farlo con qualità costante fa sì che tutto il resto venga di conseguenza.


6. Siamo piuttosto sicuri che il disco piacerà moltissimo alla critica e a chi lo ascolterà perchè è sincero, curato, ben scritto e ben cantato; tu preferiresti avere un riconoscimento dal pubblico o dall’elite della stampa specializzata?

Grazie… Per la scelta non saprei, anche perché non ho pregiudizi si chi ascolta il disco, a chi possa piacere o meno, se stampa specializzata o pubblico in generale: non faccio distinzioni.

Share: